tributi news del 27 aprile 2022

La lotta all’evasione resta senza l’anonimato. Attività di supporto alla riscossione dei tributi comunali, per Anac occorre l’iscrizione provvisoria all’albo. Pef, regolamenti e Tari – Per il 2022 sul termine di approvazione prevale la regola ordinaria del 31 maggio. Tari nei magazzini a perimetro variabile.

#newsletter #dirittotributario #imu #tari #canoneunico #accertamento #riscossione #stampaetributi #tommasoventre

**

La lotta all’evasione resta senza l’anonimato

Andrea Bongi

Gli incroci di dati ai fini della lotta all’evasione passano attraverso la pseudonimizzazione. È attraverso questa procedura che l’amministrazione finanziaria può effettuare le attività di elaborazione e di analisi del rischio tutelando, al tempo stesso, la riservatezza dei contribuenti interessati. Nelle attività di contrasto all’evasione fiscale, che costituiscono uno dei capisaldi del PNRR, non potrà essere utilizzata invece la procedura di anonimizzazione dei dati perché non permetterebbe di individuare i contribuenti nei cui confronti avviare le attività di controllo e di stimolo dell’adempimento spontaneo.

Attività di supporto alla riscossione dei tributi comunali, per Anac occorre l’iscrizione provvisoria all’albo

di Pasquale Mirto

L’iscrizione all’albo dei concessionari, di cui all’articolo 53 del Dlgs 446/1997, conformemente alle indicazioni operative fornite dal Mef, ancorché attraverso una modalità provvisoria, deve ritenersi un requisito indispensabile per l’affidamento dei servizi di accertamento e recupero tributario, e obbligatoria per i soggetti che svolgono esclusivamente le funzioni e le attività di supporto propedeutiche all’accertamento e alla riscossione delle entrate degli enti locali e delle società da essi partecipate. Sono queste le conclusioni che si leggono nella delibera Anac n. 149/2022.

Pef, regolamenti e Tari – Per il 2022 sul termine di approvazione prevale la regola ordinaria del 31 maggio

di Tommaso Ventre

Nel caos della sovrapposizione di competenze sulla Tari si inserisce anche l’incertezza della diversa previsione dei termini per l’approvazione di pef, regolamenti e tariffe Tari. La regola derogatoria che fissa il possibile adempimento al 30 aprile è facoltativa e recessiva rispetto a quella ordinaria che invece sposta il termine di approvazione del bilancio di previsione al 31 maggio

Tari nei magazzini a perimetro variabile

di Stefano Baldoni

Con l’entrata in vigore della nuova classificazione dei rifiuti, operata dal Dlgs 116/2020, cambia il perimetro delle superfici escluse. Prima erano esclusi solo se ed in quanto il produttore industriale fosse stato in grado di dimostrare la produzione di rifiuti speciali nei reparti produttivi, oggi lo sono per il semplice fatto di essere funzionalmente ed esclusivamente collegati ad un reparto produttivo industriale. Spetta al regolamento definire quando un magazzino è funzionalmente collegato al processo produttivo

**

disponibile il calcolatore aggiornato per il calcolo imu 2022 riscotel imu 2022

https://www.tuttotributi.it/novita-imu-2022-soggetti-non-residenti-nel-territorio-dello-stato/

Obblighi di comunicazione e versamento degli Enti Locali entro il 30 aprile 2022

https://www.tuttotributi.it/obblighi-di-comunicazione-e-versametno-degli-enti-locali-entro-il-30-aprile-2022/

Pef, Regolamenti e Tariffe – Per il 2022 sul termine di approvazione prevale la regola ordinaria del 31 maggio

Nel caos della sovrapposizione di competenze sulla Tari si inserisce anche l’incertezza della diversa previsione dei termini per l’approvazione di pef, regolamenti e tariffe Tari. La regola derogatoria che fissa il possibile adempimento al 30 aprile è facoltativa e recessiva rispetto a quella ordinaria che invece sposta il termine di approvazione del bilancio di previsione al 31 maggio

https://ntplusdiritto.ilsole24ore.com/art/pef-regolamenti-e-tari–il-2022-termine-approvazione-prevale-regola-ordinaria-31-maggio-AEBCkOUB

Privacy e accertamento tributario. L’analisi del rischio fiscale con database va bene per tutti

L’incrocio delle informazioni contenute nelle banche dati fiscali da parte dell’amministrazione finanziaria, finalizzato all’emersione delle posizioni di rischio fiscale e alla selezione dei soggetti ai quali inviare lettere di conformità, può riguardare tutti i contribuenti e non solo quelli già interessati dagli accertamenti. Lo chiarisce il Mef con la risposta n. 5-07904 del 20 aprile 2022 a una interrogazione parlamentare.

https://www.tuttotributi.it/privacy-e-accertamento-tributario-lanalisi-del-rischio-fiscale-con-database-va-bene-per-tutti/
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: