tributi news del 12 aprile 2022

Processo tributario, in arrivo la riforma: rivedi il webinar con Giuseppe Melis. Chi decade dalla rateazione delle imposte deve attendere la cartella per dilazionare i pagamenti. Imposta di soggiorno, strutture ricettive e Comuni ancora in attesa del modello di dichiarazione. l canone per la diffusione di messaggi pubblicitari ha natura tributaria?. In assenza di disposizioni regolamentari, l’autorizzazione pubblicitaria sottintende anche quella per l’occupazione di suolo

#newsletter #dirittotributario #imu #tari #canoneunico #accertamento #riscossione #stampaetributi #tommasoventre

**

Processo tributario, in arrivo la riforma: rivedi il webinar con Giuseppe Melis

Entro il 15 aprile la task force interministeriale Mef-Giustizia dovrebbe presentare il disegno di legge della riforma della giustizia tributaria, con l’obiettivo di concludere l’iter parlamentare di approvazione entro l’anno, in linea con gli obiettivi del Pnrr. In vista dell’arrivo del testo, il Modulo 24 Contenzioso ha organizzato un webinar intervista al professor Giuseppe Melis, ordinario di diritto tributario alla Luiss, che proprio su questo tema è stato anche ascoltato dalle commissioni Finanze e Giustizia del Senato.

Chi decade dalla rateazione delle imposte deve attendere la cartella per dilazionare i pagamenti

di Rosanna Acierno

Per il contribuente decaduto per legge dalla dilazione, rimane comunque possibile, nel momento in cui sarà notificata la cartella di pagamento, chiedere all’agenzia delle Entrate-Riscossione la dilazione dei ruoli, a norma dell’articolo 19 del Dpr 602/1973, che, sino a 60.000 euro di debito, viene concessa in automatico.

Imposta di soggiorno, strutture ricettive e Comuni ancora in attesa del modello di dichiarazione

di Mario Daniele Rossi

Sono alcune decine di migliaia in Italia le strutture ricettive e i locatori brevi che dovranno presentare entro il prossimo 30 giugno la dichiarazione delle somme riversate per l’imposta di soggiorno degli ultimi due anni alle svariate centinaia di Comuni che hanno istituito questo tributo. Ma ancora ad oggi il Ministero non ha emanato il modello che renderà possibile la rendicontazione.

Il canone per la diffusione di messaggi pubblicitari ha natura tributaria?

Il Dipartimento delle Finanze del MEF ha ribadito la natura patrimoniale di entrambe le componenti (quella legata all’occupazione delle aree pubbliche e quella connessa alla diffusione di messaggi pubblicitari) del canone unico introdotto dalla legge di Bilancio 2020. In realtà, con specifico riferimento alla componente pubblicitaria del canone, ci sono diversi “indizi” che portano a sostenerne la natura tributaria. Si può anzi ritenere che il canone per la diffusione di messaggi pubblicitari si ponga in continuità con il CIMP e debba essere pertanto considerato un’entrata di natura tributaria. Le controversie sono quindi di competenza del giudice tributario, a cui vanno indirizzati i ricorsi, e gli atti di accertamento devono contenere le indicazioni e le prescrizioni degli atti di accertamento tributari.

In assenza di disposizioni regolamentari, l’autorizzazione pubblicitaria sottintende anche quella per l’occupazione di suolo

“per espressa indicazione normativa, gli interessi legati all’occupazione di suolo pubblico vanno valutati all’interno del procedimento di rilascio dell’autorizzazione prevista dall’art. 24, comma 3, codice della strada, con la conseguenza che l’autorizzazione rilasciata dall’amministrazione al termine del procedimento vale in ogni caso quale l’assenso complessivo all’opera, compresa l’occupazione del suolo pubblico che necessariamente si determina”.

**

disponibile il calcolatore aggiornato per il calcolo imu 2022 riscotel imu 2022

https://www.tuttotributi.it/novita-imu-2022-soggetti-non-residenti-nel-territorio-dello-stato/

Rifiuti urbani prodotti da utenze domestiche – Il MITE conferma la privativa dei Comuni in tutte le fasi della gestione. Nota informativa ANCI

Nota informativa dell’ANCI e quesito della regione Piemonte, da cui origina la nota della Direzione Generale dell’Economia circolare del MITE, che conferma il diritto di privativa dei Comuni i quali dispongono, in base alla legge, le misure inerenti “tutte le fasi” della gestione dei rifiuti urbani e quindi: le modalità di conferimento, della raccolta differenziata e del trasporto dei rifiuti urbani, garantendo una distinta gestione delle diverse frazioni di rifiuti e promuovendo il recupero delle stesse.

Assetto della finanza territoriale e linee di sviluppo del federalismo fiscale

L’attuale quadro della riscossione delle entrate degli enti locali è il frutto di un’articolata evoluzione normativa che ha portato, dal 1° luglio 2017, con l’istituzione dell’ente pubblico economico Agenzia delle entrate-Riscossione (AdeR), alla possibilità per le amministrazioni locali di deliberare l’affidamento diretto alla stessa Agenzia delle attività di riscossione spontanea e coattiva delle entrate tributarie o patrimoniali proprie e delle società da esse partecipate.

In sintesi, da tale data, gli enti locali possono svolgere il servizio di riscossione delle proprie entrate secondo le seguenti modalità:

• svolgimento del servizio tramite risorse interne;

• affidamento in house del servizio (tramite società strumentali);

• affidamento del servizio all’ente pubblico economico (AdeR) titolare dello svolgimento delle funzioni della riscossione nazionale, previa delibera;

• affidamento del servizio tramite le ordinarie procedure ad evidenza pubblica.

La mediazione tributaria nei tributi locali imu tari canone unico

l D. Lgs. 24 settembre 2015, n. 156, a partire dal 1° gennaio 2016, estende l’istituto tributario del reclamo/mediazione – obbligatorio per le controversie di valore non superiore a 20.000 euro – anche alle controversie aventi ad oggetto la contestazione degli atti emanati dall’Agenzia delle dogane e dei monopoli, dagli Enti locali, dagli Agenti della riscossione e dai soggetti iscritti all’albo di cui all’art. 53 del D.Lgs. n. 446/1997, nonché alle controversie catastali cd. individuali, anche se di valore indeterminato. Il presente volume si propone di analizzare ed illustrare all’operatore comunale i nuovi istituti deflattivi del  contenzioso tributario per una più efficace azione di riscossione.

Corso Governance dei tributi locali 2022

Il 25 febbraio è iniziato il nuovo corso di Governance dei tributi locali.

 📌in presenza, aula A5

 🚩on line – Piattaforma Microsoft Teams per gli studenti iscritti–

📢streaming sul canale YouTube del Dipartimento per gli altri 

L’iniziativa rientra nell’ambito delle attività connesse alla terza missione all’interno dell’obiettivo “Formazione per adulti e life long learning” ed è quindi aperto a chi volesse parteciparvi gratuitamente.

Per i partecipanti non studenti è possibile iscriversi al corso inviando la propria adesione al seguente form di google 

https://forms.gle/S5WR8Q5Vadyz2tUu9

Il video è visionabile in generale dal giorno dopo sul canale youtube del Dipartimento.

https://www.youtube.com/channel/UChqti3zueelC0asTkk4yV8A

La pagina sulla qualità tari

📌 Abbiamo aggiornato la pagina sulla qualità della TARI con la pagina diapositiva ed il link al video dell’evento formativo di oggi di IFEL UNA PAGINA “ONE STOP SHOP” All’interno della pagina troverete le informazioni sulla qualità nella TARI nostra necessità dalla delibera 15 /2022 di Arera

 👉 LA DELIBERA DI SCELTA DEL QUADRANT REGOLATORIO 

👉 LA BOZZA DELL’APPENDICE AL REGOLAMENTO TARI 

👉 I DOCUMENTI UFFICIALI DI ARERA CONSULTA LA PAGINA https://www.tuttotributi.it/nuovi-obblighi-di-qualita-per- la-tari/

Il canale Telegram

https://t.me/stampaetributi
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: