tributi news del 07 aprile 2022

Fisco, alt da Forza Italia e Lega Voti sul filo, il governo va avanti Delega. Riforma fiscale, zero accordo. Countdown verso l'11 aprile. la consulta sull’imu punta a chiarire cos’È abitazione principale. Tarsu/Tari: requisiti per l’esclusione delle aree interportuali. Concessioni per l'occupazione di suolo pubblico: formazione progressiva del contratto e clausole penali. Imposta di pubblicità, legittimazione passiva solo con vantaggio immediato e diretto del messaggio. #newsletter #dirittotributario #imu #tari #canoneunico #accertamento #riscossione #stampaetributi #tommasoventre

Fisco, alt da Forza Italia e Lega Voti sul filo, il governo va avanti Delega. Riforma fiscale, zero accordo. Countdown verso l’11 aprile. la consulta sull’imu punta a chiarire cos’È abitazione principale. Tarsu/Tari: requisiti per l’esclusione delle aree interportuali. Concessioni per l’occupazione di suolo pubblico: formazione progressiva del contratto e clausole penali. Imposta di pubblicità, legittimazione passiva solo con vantaggio immediato e diretto del messaggio.

#newsletter #dirittotributario #imu #tari #canoneunico #accertamento #riscossione #stampaetributi #tommasoventre

**

Fisco, alt da Forza Italia e Lega Voti sul filo, il governo va avanti Delega

Per il Carroccio «non ci sono le condizioni per il sì», Fi chiede «garanzie contro il rischio di aumenti di tasse». Draghi: «Andiamo avanti: già vinto due volte, speriamo di vincere ancora»

Marco Mobili Gianni Trovati

Dopo settimane di trattative che non sono riuscite a decollare davvero, ieri lo stop è arrivato da tutto il centrodestra, ma con sfumature diverse. «Al momento non ci sono le condizioni per approvare la delega». La scottatura sul Catasto, con il doppio voto finito 23 a 22 per il governo, come ricordato da Draghi, è ancora fresca. 

Riforma fiscale, zero accordo

di Cristina Bartelli

Il sottosegretario all’economia Federico Freni ieri ha rilasciato una nota che sembra gettare la spugna sui lavori legati alla riforma del fisco: «In una maggioranza così eterogenea, nata nell’emergenza e coesa dall’emergenza, mi sembra fisiologico ammettere che su una materia così delicata e identitaria come quella fiscale emergano posizioni differenti. La materia fiscale è, in assoluto, la più politica di tutte e pensare di poter approvare una legge delega senza affrontarne i nodi politici profondi è illusorio. Il centrodestra di governo combatte legittimamente le proprie battaglie, nel solco dei valori che da sempre lo hanno caratterizzato: riduzione delle imposte, semplificazione del fisco, tutela della casa

Countdown verso l’11 aprile

di Giuliano Mandolesi 

è partito il conto alla rovescia per l’11 aprile il termine prorogato dall’agenzia delle entrate per adempiere agli obblighi tributari in scadenza nei giorni di blackout dei servizi telematici verificatosi il 30 e 31 marzo.

la consulta sull’imu punta a chiarire cos’È abitazione principale

di Gaetano Ragucci

Nel porsi il problema della coerenza con gli articoli 3, 31 e 53 della Costituzione della regola che subordina l’agevolazione alla presenza nell’immobile posseduto della residenza e dimora dei componenti del nucleo familiare, la Corte ha ampliato il raggio dell’indagine, che ora investe il regime dell’abitazione principale nel suo complesso. Il tema è dunque la valenza del riferimento al nucleo familiare contenuto nell’articolo 13, comma 4, del Dl 201/2011 che, per come è stato sin qui inteso, è duplice. Può valere come fattore di discriminazione della capacità contributiva del possessore, che delimita il minimo vitale da esentare ex articolo 53 della Costituzione; e può valere come fondamento di una agevolazione diretta a favorire la formazione della famiglia, e l’adempimento dei compiti a essa relativi (articolo 31 della Costituzione). La domanda è se, per conformarsi al vincolo costituzionale, la norma di favore possa soddisfare anche solo il primo requisito, o debba soddisfarli in ogni caso entrambi.

Tarsu/Tari: requisiti per l’esclusione delle aree interportuali

I Giudici di legittimità sottolineano che l’art. 62, comma 1, del Dlgs. n. 507/1993, pone una presunzione legale relativa di produzione di rifiuti, sicché, al fine dell’esenzione dalla tassazione prevista dal comma 2 del citato art. 62 per le aree inidonee alla produzione di rifiuti per la loro natura o perché la detenzione è esercitata da terzi, è onere del contribuente indicare nella denuncia originaria o in quella di variazione le obiettive condizioni di inutilizzabilità e provarle in giudizio in base ad elementi obiettivi direttamente rilevabili o ad idonea documentazione. Tuttavia, considerato che il Legislatore nell’utilizzare l’espressione “aree scoperte”, per delimitare il luogo di imposizione della tassa, perseguiva la finalità pubblica di tutela dell’igiene e salubrità attraverso l’eliminazione di tutti i rifiuti solidi (definibili “urbani”) prodotti da insediamenti, permanenti e/o provvisori, di comunità umane, nessuna illegittimità può dunque attribuirsi a quel Regolamento comunale nella parte in cui non esclude dalla tassazione sui rifiuti le Aree interportuali se non sussiste la supposta carenza di potere impositivo in carico al Comune in mancanza dell’istituzione dell’Autorità Portuale.

Concessioni per l’occupazione di suolo pubblico: formazione progressiva del contratto e clausole penali

di Filippo Maria Salvo

Per quanto attiene alle concessioni per l’occupazione di suolo pubblico, l’istanza del concessionario che si obblighi a rispettare il regolamento comunale in materia di OSP integra la “forma scritta ad substantiam” di cui all’art. 17 del r.d. 18 novembre 1923, n. 2440, ove seguita da conforme provvedimento di concessione. Questo l’insegnamento che emerge dalla sentenza n. 9775 del 25 marzo 2022, con la quale le Sezioni Unite della Corte di Cassazione sono tornate a pronunciarsi sul tema della forma dei contratti pubblici.

Imposta di pubblicità, legittimazione passiva solo con vantaggio immediato e diretto del messaggio

di Leonardo Maria Galieni

In tema di imposta di pubblicità (d’ora in poi ICP), la pretesa dell’A.F. può ritenersi legittima a condizione che il destinatario della stessa tragga un vantaggio immediato e diretto dalla diffusione del messaggio pubblicitario, quale presupposto d’imposta, verso la platea dei potenziali acquirenti; il tutto, tenendo debitamente conto del contesto territoriale oltre che dell’estensione e/o fruibilità del messaggio. Ed è da tale convincimento che la Suprema Corte, con Sent. n. 9696, depositata il 25/03/2022 , accogliendo nel merito il ricorso promosso da un distributore su scala nazionale, ne ha escluso la legittimazione passiva: lo stesso, al di là di fornire ai rivenditori al dettaglio le autovetture prodotte all’estero, non aveva tratto alcun vantaggio dalla diffusione, solo “locale” , del messaggio pubblicitario.

**

Bollettino delle entrate tributarie:
in linea gennaio-febbraio 2022

In questa sezione del bollettino vengono analizzati i dati mensilmente monitorabili relativi alle entrate tributarie territoriali. In particolare, vengono esposti i dati relativi all’addizionale regionale e comunale all’IRPEF, all’imposta regionale sulle attività produttive, all’IMU-IMIS e alla TASI.
Entrate territoriali Le entrate derivanti dagli enti territoriali del periodo gennaio-febbraio 2022, pari a 4.209 milioni di euro, in aumento del 4,7% (+190 milioni di euro).

Nuovo position paper di ref ricerche sulla tariffazione puntuale

La tariffazione puntuale è lo strumento economico che incarna il principio comunitario “chi inquina paga”. Le sue applicazioni basate sulla misurazione del rifiuto urbano residuo prodotto si sono rivelate efficaci nel sostenere le raccolte differenziate e minimizzare il rifiuto residuo. Occorre oggi un passo in avanti: rafforzare il percorso con l’ausilio di “spinte gentili” e informazione. Perché la prevenzione dei rifiuti e la loro corretta gestione non sia solo l’esito di una spinta “razionale”, ma un comportamento guidato dall’etica e dalla responsabilità collettiva.

Sentenze & Tributi del 2 aprile 2022

• Impianti pubblicitari – Autorizzazioni “Silenzio-assenso” – Esclusione

• Il concessionario può stare in giudizio solo per gli atti emessi direttamente

• TARI – Immobile agricolo strumentale – Esenzione IMU – Non applicabile

Sentenze & Tributi del 2 aprile 2022 – TuttoTributi.it

Corso Governance dei tributi locali 2022

Il 25 febbraio è iniziato il nuovo corso di Governance dei tributi locali.

 📌in presenza, aula A5

 🚩on line – Piattaforma Microsoft Teams per gli studenti iscritti–

📢streaming sul canale YouTube del Dipartimento per gli altri 

L’iniziativa rientra nell’ambito delle attività connesse alla terza missione all’interno dell’obiettivo “Formazione per adulti e life long learning” ed è quindi aperto a chi volesse parteciparvi gratuitamente.

Per i partecipanti non studenti è possibile iscriversi al corso inviando la propria adesione al seguente form di google 

https://forms.gle/S5WR8Q5Vadyz2tUu9

Il video è visionabile in generale dal giorno dopo sul canale youtube del Dipartimento.

https://www.youtube.com/channel/UChqti3zueelC0asTkk4yV8A

La pagina sulla qualità tari

📌 Abbiamo aggiornato la pagina sulla qualità della TARI con la pagina diapositiva ed il link al video dell’evento formativo di oggi di IFEL UNA PAGINA “ONE STOP SHOP” All’interno della pagina troverete le informazioni sulla qualità nella TARI nostra necessità dalla delibera 15 /2022 di Arera

 👉 LA DELIBERA DI SCELTA DEL QUADRANT REGOLATORIO 

👉 LA BOZZA DELL’APPENDICE AL REGOLAMENTO TARI 

👉 I DOCUMENTI UFFICIALI DI ARERA CONSULTA LA PAGINA https://www.tuttotributi.it/nuovi-obblighi-di-qualita-per- la-tari/

Il canale Telegram

https://t.me/stampaetributi
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: